Amadou Hampaté Bā [1900-1991] – la tradizione orale

Una vecchia intervista (in francese) a un ‘grande vecchio’ della tradizione orale: Amadou Hampate Bā scrittore, filosofo, poeta e antropologo maliano . Appartenente ad una grande famiglia di nobili fulbe (peul), Hampâté Bâ viene iniziato sia alla tradizione animista che alla religione islamica. Dopo l’indipendenza è stato membro del Consiglio esecutivo dell’Unesco. Dal 1970, abbandonate tutte le cariche e gli impegni ufficiali, si dedica completamente alla creazione di un archivio volto a salvare dalla scomparsa l’immenso patrimonio della tradizione orale africana. In italiano sono stati tradotti:  Aspetti della civiltà africana, EMI (1975),  L’interprete briccone, Edizioni Lavoro (1988),  Petit Bodiel, Sinnos (1998),   Gesù visto da un musulmano, Bollati Boringhieri (2000),  Il saggio di Bandiagara, Neri Pozza editore (2001), Amkoullel, il bambino fulbe, Ibis (2001), Signorsì, comandante, Ibis (2006),  Kaydara, Ibis (2007), Racconti dei saggi d’Africa, L’ippocampo (2010).

Hampaté Ba dialoga ironicamente con i doppi messaggi e le categorizzazioni del pensiero occidentale permettendoci di cogliere la ricchezza del mondo africano, della sua cultura quotidiana, religiosa e iniziatica.

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in intercultura, video

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...