Aladino e l’Uovo di Rukh (II)

Il mago dell’Occidente, non riuscendo ad ottenere quanto vuole, rinchiude Aladino nella caverna votandolo a morte sicura. Aladino però riesce a evadere perché sfregando casualmente la lampada gli compare appunto quel ‘genio della lampada’  (djinn) che Aladino utilizzerà per cambiare il suo status da figlio orfano scapestrato in ricco pretendente alla mano della principessa. Egli utilizza dunque la lampada per la sua scalata sociale.

Così, Aladino riesce a far ‘fruttare’ l’incontro con l’alterità nata dalla seduzione del mago occidentale. Il risultato è la definizione di un progetto amoroso: una volta arricchito potrà sposare la principessa Badr al Budur (che significa ‘luna piena della luna piena’ – cioè pienezza del principio femminile), cosa che grazie al potere della lampada gli riesce.

Riprendo le riflessioni di Holbek e Losi sulle dinamiche narrative nelle peripezie delle fiabe: gli sforzi dell’eroe sono retti da tre coppie di opposizione tematica:

1) il conflitto tra generazioni, 2) l’incontro tra i sessi, 3) l’opposizione sociale umili/potenti; [Holbek 1987]  4) il rapporto oppositivo o collaborativo tra il mondo visibile e quello invisibile di cui il rapporto tra il mondo dei vivi e quello dei morti è un esempio. 

Già Propp aveva messo in luce che la fiaba è costituita da un misfatto seguito da una serie di tre prove o peripezie e lo schema si adatta bene alla nostra fiaba: la prima peripezia consiste infatti nella sepoltura iniziatica in una caverna, con una successiva liberazione che corrisponde anche a una comunicazione con l’invisibile (il djinn) e in un ribaltarsi del rapporto tra umili e potenti (il povero orfano si arricchisce) che apre nuove prospettive sulle relazioni di genere (Aladino corteggia e sposa una principessa)!

Veniamo alla seconda peripezia. Il possesso della lampada non è cosa sicura perché il mago maghrebino riesce a tornare in possesso della stessa e fa trasportare in un deserto lontano il palazzo che l’eroe aveva fatto costruire e rapisce anche la principessa. Aladino viene così screditato agli occhi del Sultano. Il mago gli sottrae sia la sposa (l’Anima) che il consenso sociale. Da questo esilio Aladino dovrà riemergere a capo di grandi fatiche, mettendo in campo coraggio, intelligenza e resilienza e non più unicamente il potere magico della lampada.

Dopo aver sconfitto definitivamente il primo mago, la questione sembrerebbe risolta, ma entra in campo il fratello del mago, un altro mago seduttore, che dopo avere ucciso una santa locale, la pia Fatima, ne indossa le vesti e utilizza la seduzione religiosa per tentare di sottrarre a sua volta la lampada ad Aladino: ecco la terza peripezia.

Sceso in città il mago se ne andò sotto il palazzo di Aladino. La gente gli si raccolse intorno, nella convinzione che fosse la pia Fatima, ed egli cominciò a fare come faceva lei, mettendo la mano sui sofferenti, recitando su questo la fatiha, su quello qualche altra sura del Corano, sul terzo facendo una preghiera.

Il mago, travestito da santa, riesce a farsi invitare a palazzo dalla principessa, e nell’intento di fare infuriare il djinn della lampada, la convince a chiedere ad Aladino di fare appendere sotto la volta del palazzo – a mo’ di grande lampadario – un uovo dell’uccello Rukh. Da quest’uovo sono nati tutti i djinn. L’intento non dichiarato è proprio quello di farli infuriare contro Aladino, di fargli commettere una sorta di peccato blasfemo, spingendolo a utilizzare la ‘madre di tutte le lampade’ per illuminare il suo palazzo. Si tratta di una vera e propria idolatria simbolica perché, nelle più diverse tradizioni, l’uovo rappresenta la totalità originaria, il germe da cui nasce il mondo. Appenderlo a mo’ di lampadario significa pretendere di utilizzare e gestire per i propri fini l’insieme dell’eco-sistema spirituale e non più solo la relazione necessaria e parziale con i djinn e gli angeli che il destino ci assegna.

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in narrazioni

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...