Una poesia di Hannah Arendt sulla teoria dei colori di Goethe

Da quaderni e diari 1950-1973 (Neri Pozza)

Giallo è il giorno/ Blu è la notte/ Verde giace il mondo/

Luce e tenebre si sposano/ al buio come nel chiarore/ il colore fa apparire l’universo,/ i colori separano cosa da cosa

Se la pioggia e il sole/ nella loro lite di nubi/ uniscono il secco e l’umido/ in un matrimonio di colori,

Risplende il buio come il chiarore –

A mo’ di arcobaleno splende dal cielo il nostro occhio, il nostro mondo.

H.A.

Buon 2012!

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in arte, filosofia, narrazioni, quel che resta del mondo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...