Archivi tag: pratiche narrative

quel che resta del mondo/approdi e naufragi

schermata-2016-11-10-alle-01-12-34Il Grande Esodo è uno dei sintomi centrali di questo tempo.  I migranti sono ormai lo specchio di un passaggio collettivo, di una sfida evolutiva (o involutiva) globale. Le differenze sono oggi al centro di ogni questione. Per alcuni la difesa della propria, di differenza, implica l’esclusione dell’altro; per altri la conquista di una narrazione in cui riuscire a includere anche  differenze radicali come  parte di un bene umano comune. La difesa della navicella spaziale terra, della sua atmosfera, del suo clima non implica forse un ‘salto’, una ‘schiusura’ evolutiva proprio rispetto alle differenze (di genere, di cultura, di religione, di preferenza sessuale)? Per non parlare delle sperequazioni socioeconomiche e disuguaglianze nelle opportunità. Il mondo del migrante come anche il nuovo mondo di ogni generazione è il mondo fatto con tutti i resti, con le tracce di ciò che era mondo quando il mondo era ancora mondo e non lo sapevamo.  Nel 2011 pubblicavo con Ma.Gi Quel che resta del mondo, psiche, nuda vita e questione migrante.

Ora è in uscita un approfondimento di questi temi con Approdi e Naufragi, edito da Moretti e Vitali.

Affrontare la storia come sintomo ci permette di osservare una costellazione di eventi. Dalla storia della schiavitù emergono sorprendenti immagini di resilienza e resistenza culturale, l’affermazione in condizioni impossibili di una sorta di archetipo di resurrezione o “sovrappiù di vita.”  La ricerca sulla migrazione di icone dal Mediterraneo al Nuovo Mondo, a partire da  Nostra Signora di Lampedusa,  è diventata in corso d’opera il pretesto per esplorare il rapporto tra elaborazione del lutto e resistenza culturale da varie prospettive: dall’antropologia al pensiero postcoloniale, dalla psicoanalisi alla filosofia della storia. In ogni caso ascoltando i dannati della terra del passato sempre si trova il testamento dell’aspirazione a una vita degna di essere vissuta.

Approdi e Naufragi evoca l’appuntamento misterioso tra le generazioni passate e quelle contemporanee della crisi globale e migrante. (si può prenotare on line <http://www.morettievitali.it/?libri=approdi-e-naufragi>)

Annunci

10 commenti

Archiviato in quel che resta del mondo